Carmelitani Scalzi

sito ufficiale della Provincia di S. Carlo Borromeo

1 Foto panoramica senza dida allinizio FILEminimizer

 

 

«Carissimi fratelli e sorelle, Padri, Monache, Ordine Secolare, Movimento dello Scapolare del Carmelo piemontese-lombardo-emiliano e… camerunese!!! Pace e salute nel Signore Risorto». Questo l’incipit del Diario di bordo con il quale il nostro P. Antonio a reso partecipi le comunità sparse per la Provincia dei lavori che si svolgevano a Cassano Valcuvia e che hanno portato all’elezione del nuovo Provinciale e del suo Consiglio, prima. E poi alla trattazione di alcuni dei temi emergenti riguardanti noi e il nostro futuro immediato.

3 Padre Adalberto Piovani dei Benedettini di Dumenza e il Provinciale uscente P. Attilio assieme a P. Domenico e agli altri Capitolari a pranzo durante il ritiro FILEminimizer

 

Il Capitolo è iniziato il mattino del 24 aprile con la concelebrazione eucaristica presso la Cappella dell’Eremo del Carmelo a Cassano Valcuvia. «I 17 padri capitolari dopo la celebrazione eucaristica, nel pomeriggio, si sono trovati nell’aula capitolare dove Padre Adalberto Piovani, dei Benedettini di Dumenza (Va) ha tenuto due incontri sulla figura del Profeta Elia dal titolo: Elia un profeta in crisi.

Cocludendo ha voluto riprendere l’mmagine l’immagine della sentinella del testo di Isaia. «A coloro che gli domandavano a che punto preciso era il corso della notte, quanto mancava al mattino, la sentinella non aveva dato una risposta precisa: aveva piuttosto richiamato a comprender ed accogliere e il senso del mattino e il senso della notte, perché la giornata dell’uomo è fatta di luce e di tenebre. La sentinella è disposta a dare questa parola a chi gliela chiede: “Se volete domandare, domandate”. E poi tutto è rimandato alla scelta personale, alla conversione.

Potrebbe essere questo il senso di ciò che ho tentato di dire. Sono parole che nascono da una fatica di scrutare il mattino e la notte della nostra storia, collocati in un luogo particolare che è la vita religiosa, in particolare quella forma tipica che è il monachesimo. Sono solo parole, non progetti dettagliati; evocano cammini di conversione, ma che ciascuno poi è chiamato ad intraprendere e nel giorno e nella notte. Non hanno la pretesa della infallibilità: ognuno è libero di accoglierle o di rifiutarle…. ”se volete domandare, domandate”. Se a noi religiosi non vengono rivolte queste domande, non dobbiamo preoccuparci. Ma non dobbiamo per questo abbandonare il posto di sentinella. ‘E lì, e non altrove (come condottiero o combattente) che troviamo la gioia della nostra vita. Credo che solo rimanendo così possiamo raggiungere il cuore della nostra vita.

Penso che ognuna di queste parole per esser vera, deve essere detta nella umiltà di chi sa di condividere, con questa Chiesa, con questa umanità, le fatiche e le fragilità che segnano il nostro cammino di discepoli di Cristo. Uno dei misteri maggiormente sacri alla tradizione monastica è la Trasfigurazione del Signore. Questo sublime momento in cui il Signore Gesù manifesta la sua gloria è un momento di sintesi – la presenza di Mosè ed Elia – e di apertura verso il nuovo esodo. Un esodo che è nuovo per la sua assoluta e definitiva provvisorietà, ben significata dal rifiuto di Gesù di acconsentire alla proposta di Pietro di erigere tre tende (la tentazione dell’agire dell’uomo!). Penso che la vita religiosa in quanto sequela di Cristo ed esperienza emblematica di spiritualità come pienezza di umanità nell’icona del volto trasfigurato di Cristo, non è altro che memoria continua di una cammino sempre povero e nella cui provvisorietà – non immune da momenti di scoraggiamento e di lotta interiore – il Risorto si può fare compagno di strada per ‘aprire la mente’ alla intelligenza del ‘cuore’ dell’uomo, della storia, di Dio (cfr. Lc 24)».

 

 

15 Fausto FILEminimizer

 

 

Il momento culminante di quei giorni sono stati naturalmente l’elezione del nuovo Provinciale e del suo Consiglio: Il 28 aprile alle ore 17: 20 al quarto scrutino risulta eletto Padre Fra Fausto Lincio. È il nostro 117esimo Provinciale. I padri capitolari si recano nella cappella per la professione di fede del neo eletto indi dopo il canto del Te Deum offrono l’abbraccio di fraterna obbedienza. Il 1 maggio il Capitolo ha eletto i membri del Consiglio Provinciale, che aiuteranno P. Fausto nel governo della Provincia.

Tra i vari momenti che hanno segnato il Capitolo 2017 scegliamo la mattina che ha visto «la presenza del Consiglio dell’Associazione Regina Pacis della nostra Provincia religiosa: Presidente Madre Paola (Monastero di Ferrara), suor Laura (Monastero di Sassuolo), Suor Maria Grazia (Monastero di Bologna), suor Giovanna (Monastero di Legnano) non ha potuto partecipare suor Maria Giovanna (Monastero di Monselice).

7 La delegazione delle Monache e i Capitolari foto di gruppo FILEminimizer

 

 

Da diversi Capitoli ormai, è programmata la presenza delle Monache almeno per una mezza giornata con l’intento di favorire uno scambio ed approfondire una vera conoscenza, ma soprattutto per far crescere il senso dell’appartenenza al comune carisma teresiano … La loro presenza, oltre a portare una nota di allegria risveglia in tutti la bellezza di questa condivisione carismatica. …

Lasciamo alle foto parlare per il resto.

8 Labbraccio fraterno con cui dopo il canto del Te Deum i padri prestano obbedienzaal nuovo Provinciale FILEminimizer

 

L'abbraccio fraterno con cui, dopo il canto del Te Deum, i padri prestano obbedienzaal nuovo Provinciale. Qui vediamo P. Domenico Delegato della Missione in Cameroun e P. Paolo, Priore di Cassano e responsabile del Centro Carmelitano Vocazioni.

 

14 Enza la capo cuoca al Capitolo e P. Attilio in cucina FILEminimizer

 

Enza, la capo-cuoca al Capitolo e P. Attilio, il Provinciale uscente, in cucina.

 

 

6 Padre Davide Capano segretario coadiuvato da Padre Walter LeopizziI al lavoro FILEminimizer

 

Padre Davide Capano, segretario, coadiuvato da Padre Walter LeopizziI al lavoro!

 

10 P. Edoardo Mancini P. Walter Leopizzi e P. François animatori liturgici FILEminimizer

 

P. Edoardo Mancini, P. Walter Leopizzi e P.  François  animatori liturgici.

 

15 Il nuovo Provinciale e il suo Consiglio FILEminimizer

 

Il nuovo Provinciale e il suo Consiglio. Da sinistra: P. fr. Renato, P. fr. Renzo, P. fr. Giorgio e P. fr. Attilio.

 

9 Primo a destra P. Fausto Provinciale a seguire P. Domenico P. Ennio P. Renato e P. Gabriele FILEminimizer

 

Primo a destra Fausto, Provinciale; a seguire Domenico, Ennio, Renato e Gabriele.

 

2 Tutti i partecipanti al Capitolo FILEminimizer

 

Foto di gruppo. Tutti i partecipanti al Capitolo.

 

 

 

 

 

 

Cerca

Accesso Utenti

Iscrizione newsletter